Cerca  Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
Ricerca avanzata


ZCZC
AGI2301 1 CRO 0 R01 / SAN
WELFARE:OSSERVATORIO TERZA ETA', 2010 OVER 60 SARANNO 12MLN

(AGI) - Roma, 8 feb. - Si vive fino a cent'anni, ma aumentano anche anziani disabili, malati cronici. Lo scenario che si prospetta nei prossimi decenni alle societa' avanzate occidentali ed anche per l'Italia lo evidenzia l'Osservatorio della terza eta', che condivide l'allarme del sindacato Spi-Cgil sulle gravi carenze nel campo delle poltiche sociali e assistenziali verso gli anziani. Nel 2010 - sottolinea l'Ote - nel nostro Paese, il numero degli over 60 anni afflitto da malattie croniche salira' a 12 milioni, cui devono essere aggiunti altri 3 milioni di italiani disabili appartenenti alla terza eta' (circa il 4% in piu' all'anno). Questo quadro, secondo l'Osservatorio nei prossimi anni, influira' sul sistema pensionistico. "La longevita' di massa - afferma l'Ote in una nota - mettera' a dura prova le casse pubbliche, non solo per l'aumento della spesa pensionistica, ma anche per la crescita delle risorse da destinare alla cura degli anziani. La fotografia dell'Onu al nostro Paese rileva che siamo leader nel mondo per numero di over 60 anni (il 24,5% dei residenti), mentre nel 2050 questa fascia rappresentera' il 37% della popolazione complessiva. Nei prossimi 20 anni gli ultraottantenni supereranno i 4,5 milioni (2,4 milioni il numero attuale), crescendo al ritmo di 110 mila ogni anno. Di pari passo si porra' il problema dei casi delle malattie croniche e della demenza senile che riguarderanno il 60% della popolazione anziana complessiva) per le quali e' stato stimato un fabbisogno economico di 17 mld di euro, mentre le risorse nazionali disponibili per curare e assistere almeno 8 milioni di italiani affetti da questi problemi sono solo un terzo". "Da tempo - dichiara il Segretario generale dell'Osservatorio della terza eta', Roberto Messina - andiamo ripetendo che l'invecchiamento della popolazione e' il fenomeno piu' rilevante e potenzialmente piu' destabilizzante della storia moderna. In pochi decenni si passera' da una societa' di tipo piramidale in cui si ha una larga base di soggetti in eta' lavorativa ed un vertice con pochi fortunati longevi, ad una piramide rovesciata il cui vertice sara' rappresentato da una larga fascia di soggetti over 60 anni ed una piccola base con poche persone in eta' lavorativa. Per questo - avverte Messina- siamo obbligati a progettare nuovi modelli sociali per impedire l'implosione della societa' come oggi la intendiamo. Auspichiamo che molte altre autorevoli voci, come la Spi-Cgil, il Tribunale dei diritti del malato, denuncino il problema per aumentare l'attenzione della societa' su questo importante fenomeno".(AGI)
Red/Com 081457 FEB 05 NNNN



ZCZC
AGI2501 3 CRO 0 R01 / SAN
FARMACI: OTE A SIRCHIA, AGLI ANZIANI NON CONSIGLI MA CURE
(AGI) - Roma, 15 feb.- "Per gli anziani preveda piu' cure e assistenza, visto che i farmaci passati dallo stato diminuiscono anno dopo anno, e dispensi qualche consiglio in meno". L'Osservatorio della Terza Eta' (Ote) punta cosi' l'indice sul richiamo del ministro della salute Girolamo Sirchia agli anziani a non consumare medicine senza prescrizione. "I piu' scrupolosi nell'osservare le regole di somministrazione, prescritte dai medici - ha detto Roberto Messina, segretario Ote - sono proprio i nonni che per conformazione mentale non sono inclini ai colpi di testa ed a mettere in gioco la loro salute". Sull'aumento, poi della spesa farmaceutica, l'Ote ricorda che "l'anno scorso per curarsi le famiglie italiane - ha cocnluso Messina - hanno dovuto pagare in piu', di tasca propria, 1 miliardo di euro di cure, per sopperire ai tagli fatti dallo Stato".
(AGI) Red- 151727 FEB 05 NNNN



ZCZC
AGI2247 3 CRO 0 R01 /
ANZIANI: VELTRONI, CONTENTO PER PREMIO A RAFFAELA MILANO
(AGI) - Roma, 26 feb. - "Sono molto contento del premio che l'Osservatorio della Terza Eta' ha voluto assegnare a Raffaela Milano". Cosi' il sindaco di Roma, Walter Veltroni, ha commentato il riconoscimento all'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma, consegnatole oggi alla Convenzione nazionale dell'Ote che si e' tenuta al Palalottomatica. "Mi fa particolarmente piacere che il voto di una giuria abbia scelto di premiare Raffaela tra vari personaggi che si sono distinti nel campo delle politiche sociali e in particolare in favore degli anziani - ha detto Veltroni -. Credo che questo importante riconoscimento sia il frutto del suo impegno e della qualita' del suo lavoro. Ho molto apprezzato le parole di Raffaela che ha voluto dividere il suo premio con le migliaia di cittadini romani che fanno volontariato sociale e che dedicano parte del loro tempo ad occuparsi degli 'altri', perche' nella nostra citta' nessuno si senta solo".
(AGI) Com 261439 FEB 05 NNNN



ZCZC
AGI2244 3 CRO 0 R01 / SAN
ANZIANI:DA CONGRESSO 'OTE' PROPOSTA 'CONTRATTO' PER TERZA ETA
(AGI) - Roma, 26 feb. - Un 'contratto con gli anziani', in dieci punti, da sottoporre a centrodestra (CdL) e centrosinistra (Fed) per far fronte ai problemi e alle esigenze della terza eta'. E' la proposta lanciata dal segretario generale dell'Ote (Osservatorio della Terza Eta'), Roberto Messina, nel corso del congresso straordinario al Palalottomatica di Roma dal titolo "Anziani: una risorsa", organizzato dallo stesso Ote. Tra i punti salienti del contratto, ha spiegato Messina di fronte a una platea di oltre 3.000 anziani giunti da diverse regioni d'Italia, l'istituzione di un fondo per i non autosufficienti, "che consenta a chi vuole di curarsi in casa propria, evitando di pesare sulle strutture pubbliche"; il "parlamentino degli anziani", cioe' l'apertura delle Camere, per un giorno, ai "cittadini dai capelli bianchi", perche' "vengano ascoltate le loro richieste, e se giuste e condivisibili, vengano attuate dai parlamentari e dal governo"; l'innalzamento del tetto della spesa farmaceutica dal 13 al 14, visto che lo Stato "ha costretto le famiglie ad acquistare di tasca propria i prodotti non rimborsati, spendendo nel 2003 circa un miliardo di euro"; l'esenzione del pagamento dei diritti Siae per i centri anziani; seri programmi di prevenzione per patologie gravi come tumori della prostata, neoplasie mammarie, osteoporosi ecc.; la destinazione del 30% dei fondi per il sociale, "peraltro gia' scarsi", alle associazioni che si prendono cura dei nonni italiani; un buono per le visite specialistiche; e infine l'istituzione di un Ministero per le politiche della Terza eta'. "Il popolo dai capelli bianchi - ha detto Messina - e' relegato ai margini, poco considerato dalla politica, dal mercato, dalle istituzioni. Noi chiediamo che l'anziano venga considerato come una risorsa per la collettivita' e non una zavorra da scaricare prima possibile'". Su questa piattaforma programmatica si e' poi aperto un dibattito, con la partecipazione del Sottosegretario alla Salute Cesare Cursi e il membro della Commissione Affari Sociali Augusto Battaglia (Ds), che, rivolto al governo, ha chiesto se "quei sette miliardi che avete dato ai piu' ricchi, non sarebbe stato meglio impiegarli nel fondo per non autosufficienti".E' intervenuto anche il Presidente della regione Lazio, Francesco Storace, che ha snocciolato i risultati conseguiti dalla sua gestione: aumento della spesa sociale del 7, l'introduzione della 'carta senior' che offre sconti in 2.000 negozi, il sostegno per 160.000 pensionati e la possibilita' per gli anziani di viaggiare gratis sui mezzi pubblici della Regione. Ha invece suscitato fischi e proteste l'accenno alle cure odontoiatriche e soprattutto al Recup, il nuovo sistema centralizzato di prenotazione per prestazioni sanitarie, che secondo parte della platea non ha portato a un effettivo accorciamento dei tempi di attesa. "Fischia chi non conosce le cose, o chi non e' di questa regione", ha commentato Storace, aggiungendo poi di aver pronta una delibera per il sostegno alle cure per piaghe da decubito, e "un'apposita commissione proprio sui diritti Siae per i centri anziani, che saranno a carico della Regione". E' toccato poi al sindaco di Roma, Walter Veltroni, che ha sottolineato "il grande lavoro fatto in questi anni a Roma per gli anziani", tra cui l'istituzione della teleassistenza, che serve 3.800 persone al giorno, la sala operativa sociale, la casa del volontariato, 24 centri per anziani fragili e 6 nuovi centri per malati di Alzhaimer. "Questo malgrado i comuni abbiano subito moltissimi tagli. Prima del Ponte di Messina - ha detto il sindaco - il governo pensi a varare politiche per gli anziani. Noi comunque non abbiamo toccato la spesa sociale, che anzi e' passata dai 222 milioni di euro del 2001 ai 256 del 2005. Se si vuole, si puo''. Al termine del congresso, e' stata premiata l'assessore capitolino alle politiche sociali, Raffaella Milano, col premio 'Life', per "l'impegno e l'attenzione che ha dedicato ai meno fortunati e agli emarginati, ben al di la' dei suoi compiti istituzionali".
(AGI) Cli 261436 FEB 05 NNNN



ZCZC
AGI2135 3 POL 0 R01 /
REGIONALI: STORACE, DAI SONDAGGI LA MIA LISTA E' AL 7%
(AGI) - Roma, 26 feb. - Stando agli ultimi sondaggi, la lista Storace otterrebbe il 6-7% alle prossime regionali nel Lazio.
Lo ha detto lo stesso presidente della Regione, Francesco Storace, facendo riferimento a un articolo apparso oggi sul 'Corriere della Sera', che accredita alla sua lista il 10%, una percentuale superiore a quella di Forza Italia. "Io ho dei sondaggi diversi - ha detto Storace, a margine del congresso straordinario indetto dall'Osservatorio Terza Eta' - e non credo siano vere quelle cifre. La mia lista sara' attorno al 7%, Forza Italia piu' meno al doppio. Credo si sia fatta confusione nelle caselle, e' impossibile che una lista civica abbia piu' del 10%. E' una cosa - ha concluso - che non ha attinenza con la realta'".
(AGI) Cli/Glc 261232 FEB 05 NNNN
print