Cerca  Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
Ricerca avanzata


Sanita': la devolution 'Fa Male' a Liste Attesa
Supereva.it - 19 Agosto 2004
Di (Adnkronos)
Roma, 19 ago. (Adnkronos) - Un anno e mezzo per una visita oculistica a Ravenna, oltre due mesi per una mammografia in Abruzzo. La sanita' regionalizzata non fa bene alle liste d'attesa, anzi. Lo dicono i dati raccolti dall'Osservatorio della terza eta' (Ote), Ageing Society che, durante l'estate, ha fotografato la situazione nei principali ospedali delle 103 province italiane. Si e' cosi' scoperto che i tempi medi per fare un esame mammografico, una tac e una visita oculistica superano quelli fissati dall'accordo tra Stato e Regioni. ''A dispetto delle previsioni - sottolinea il segretario generale dell'Ote, Roberto Messina - il decentramento territoriale delle competenze in tema di sanita' non ha risolto i nodi delle liste d'attesa. In alcuni casi i tempi si sono raddoppiati e la tendenza si accentuera' con l'ulteriore abolizione delle competenze da parte dello Stato''. Secondo l'indagine, per una mammografia, nel 46,6% dei casi, l'appuntamento e' fissato dopo 60 giorni dalla prenotazione. Per una visita oculistica la percentuale di strutture che sono in grado di garantire la prestazione entro il termine di 30 giorni, fissato dalla conferenza Stato-Regioni, e' inferiore a un terzo, per l'esattezza il 30%. Oltre il tempo massimo si trova invece il 62,1% del totale delle province. Situazione non migliore per la tac al torace: il 24,3% delle prestazioni e' infatti fornito dopo i 60 giorni, nel 36,9% dei casi si aspetta tra 16 giorni e 2 mesi, mentre un'attesa inferiore ai 15 giorni riguarda solamente il 18,4% degli esami. L'ecografia pelvica nel 27,2% dei casi e' fissata soltanto dopo 60 giorni, mentre nel 45,5% delle strutture monitorate l'attesa oscilla tra i 15 e i 60 giorni.
print