Cerca  Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
Ricerca avanzata


Farmaci, campagna contro gli sprechi
Ma Ŕ polemica per la lettera del Cavaliere agli italiani. L'opposizione: "E' solo propaganda"
Berlusconi: "Prendere troppe medicine fa male alla salute e ai conti dello Stato"


Gazzetta di Parma.it - 20 Gennaio 2005
Si mostra d'accordo anche Antonio Di Pietro: " Al di lÓ delle intenzioni pi ¨ o meno elettorali del premier, ritengo di poter condividere la sua iniziativa. In effetti c'Ŕ la cattiva abitudine di riempire le case di medicinali senza che vi sia una effettiva necessitÓ " . Da una ricerca effettuata dall'Osservatorio della Terza EtÓ risulta che ogni anno viene gettato nella spazzatura circa un miliardo di pillole inutilizzate, spesso perchŔ la confezione contiene un numero troppo elevato di pasticche rispetto alla cura prescritta. L'Ote propone di introdurre le confezioni " mini e maxi " , per evitare questi sprechi, che costano allo Stato 650 milioni di euro l'anno. D'accordo con l'iniziativa di Berlusconi anche Farmindustria, che in una nota afferma di rendersi " fin d'ora disponibile a offrire la propria collaborazione " . Ma non tutti sono della stessa opinione. I Democratici di sinistra, infatti, invitano gli italiani a rispedire la lettera al mittente. " Il presidente del Consiglio le studia proprio tutte " , hanno commentato i deputati della Quercia Grazia Labate e Augusto Battaglia, secondo i quali " gli sprechi non riguardano i cittadini italiani, bensÝ una politica sanitaria sbagliata e ingiusta che questo governo ha condotto in tutti questi anni. Rimanderemo la lettera al mittente per indirizzo errato " . " E' propaganda " , aggiunge la verde Zanella. Per Rosy Bingi " se davvero il premier vuole combattere l'abuso e il consumismo affronti seriamente il problema coinvolgendo i medici, le industrie e i farmacisti in una strategia globale sull'efficacia delle cure " . Invece, Giorgio Siri, presidente di Federfarma, la federazione dei titolari di farmacia, ha accolto con favore l'iniziativa: " E' una campagna positiva, perchŔ Ŕ importante evitare utilizzi impropri dei medicinali, dannosi per le casse del Sistema sanitario nazionale ma anche e soprattutto per la salute dei cittadini " . Siri ha anche proposto di utilizzare le vetrine delle 16mila farmacie italiane per veicolare la campagna, dando una corretta informazione ai cittadini. La manovra, assicura il commissario relatore del provvedimento Paola Manacorda, non porterÓ rincari complessivi al conto che ogni due mesi pagano le famiglie italiane. Ricordando che la decisione Ŕ stata adottata dopo le audizioni dei sindacati e delle associazioni dei consumatori, la Manacorda afferma infatti che " la bolletta media degli utenti risulta invariata " . L'AutoritÓ, insomma, " ritiene di aver salvaguardato con questa manovra il potere di acquisto degli utenti in un consolidato orientamento a tutela delle loro garanzie " . A giudizio della Cgil, per˛, in un mercato liberalizzato come quello delle tlc le tariffe, pi ¨ che rimanere invariate, dovrebbero scendere. L'Intesa dei consumatori canta vittoria per l'eliminazione della parte della manovra relativa alle tariffe fisso- mobile, ma ricorda che le nuove tariffe " penalizzano con un aggravio di circa 10 euro l'anno le telefonate brevi e premiano invece i " grandi parlatori ".
print