Cerca  Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
Ricerca avanzata


Tariffe regionali a confronto: la forbice si allarga:
Parto naturale, a Trento costa ben tre volte di pi¨.

L'adige.it - 04 Maggio 2005
Partorire con parto naturale in Emilia Romagna costa alla collettivitÓ 697 euro, in provincia di Trento quasi il triplo, 1.727 euro; mentre in Calabria bastano 1.310 euro. Un ricovero per diabete, invece, costa 3.108 euro in Friuli-Venezia Giulia, il Veneto ne spende 1.766, la Sardegna rimborsa alle sue strutture pubbliche e private 2.067 euro: ovvero una forbice tra minimo e massimo che supera i 1.340 euro. Sono i dati di una indagine condotta dal dipartimento economico dell┤Osservatorio della terza etÓ (Ote), diretto da Andrea Monorchio, e che mette in luce abnormi disparitÓ di costo per prestazioni che potrebbero far risparmiare fino a 5 miliardi di euro all┤anno al Servizio sanitario nazionale. Lo studio ha preso in esame i dati delle schede di dimissione ospedaliera (Sdo) del 2002, collegandoli ai Drg, cioŔ le tariffe per i rimborsi a prestazione che sono predeterminati per gli ospedali a fronte delle cure fornite. L┤Osservatorio della Terza EtÓ spiega che si tratta "dell┤ennesima anomalia tutta italiana che provoca uno sperpero di risorse". In alcuni casi - sottolinea l┤Ote - i diversi Drg vengono applicati dalle Regioni per coprire alcune caratteristiche epidemiologiche particolari, come per esempio le Asl con pi¨ anziani, le aziende che hanno anche funzioni di polo universitario, oppure quelle situate in zone di montagna; ma non si pu˛ neanche sottacere che un impiego pi¨ oculato delle risorse consentirebbe di risparmiare importi pari ad una "manovrina"". Secondo Roberto Messina, segretario generale dell┤Ote, si potrebbe risparmiare, "uniformando i listini delle prestazioni". Le Regioni possono articolare le tariffe in funzione della tipologia dei diversi ospedali, tenendo conto della casistica trattata e della complessitÓ funzionale e organizzativa, nonchÚ in funzione del numero delle prestazioni. In provincia di Trento il tariffario, fissato da un decreto ministeriale del ┤97, riguardo ai ricoveri per acuti Ŕ aumentato del 16% per l┤ospedale di Trento, del 7% per l┤ospedale di Rovereto, mentre agli ospedali di zona e alle strutture private si applica una riduzione pari al 6%.
print