Cerca  Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
Ricerca avanzata


Viterbo -Interviene il segretario dello Spi- Cgil Antonio Filippi
Il carovita si mangia le pensioni

Tusciaweb.it - 30 Agosto 2005
Senza Filtro - Finita l'estate, la pioggia di questi giorni ci fa sentire giÓ in autunno, che si preannuncia difficile per i lavoratori, denso d'incognite sia per il posto di lavoro che per i contratti scaduti che non si vogliono rinnovare, ma i pi¨ penalizzati saranno gli anziani oltre i 65 anni. Secondo i calcoli dell'Osservatorio della Terza EtÓ, in un anno il potere d'acquisto degli anziani si Ŕ ridotto dell'8,7%. Il conto Ŕ presto fatto. Secondo le associazioni dei consumatori negli ultimi dodici mesi gli italiani hanno dovuto affrontare aumenti per 951 euro. Una vera batosta per quei 10.964.000 pensionati che ricevono un assegno mensile medio di appena 837 euro, nella nostra provincia si deve tener conto che ci sono circa 52.000 pensioni al disotto di 514 euro il mese. In pratica il carovita si Ŕ mangiato pi¨ di un mese della loro pensione, costringendoli a fare i salti mortali per andare avanti,impresa non facile, visto che i due terzi della pensione va spesa per l'affitto, la sanitÓ, il cibo. L'autunno non lascia ben sperare, giÓ si annunciano nuovi aumenti delle bollette di luce e gas, rispettivamente del 5 e del 3.5%, con un ulteriore aggravio di circa 47 euro a famiglia. La minore disponibilitÓ di denaro da parte degli anziani, avrÓ effetti anche nella catena di solidarietÓ che normalmente si riversa sui figli e sui nipoti. L'osservatorio della Terza EtÓ ha rilevato che il 76% degli anziani spende circa 900 euro per aiutare le famiglie dei propri figli, comprando scarpe, abbigliamento, libri, giocattoli, fino da integrare la rata del mutuo. Un soccorso economico provvidenziale per il 30% delle famiglie italiane e viterbesi. La situazione Ŕ veramente drammatica, non si pu˛ continuare a far finta che tutto va bene. Milioni di famigli non ce la fanno pi¨ a correre dietro ai prezzi impazziti, soprattutto gli anziani diventano sempre pi¨ poveri, e come abbiamo visto le ristrettezze si ripercuotono all'intera famiglia. Il Governo, lo Stato, hanno l'obbligo di intervenire, senza aspettare ulteriore tempo, prendano esempio anche da altre Nazioni che erogano ai pensionati gas , energia , telefono a prezzi ridotti. Lo SPI-CGIL Ŕ da tempo che denuncia che il lievitare delle tariffe rende sempre pi¨ difficile la vita dei pensionati. Si rende indispensabile agire immediatamente, come SPI-CGIL chiediamo che all'interno della prossima finanziaria, ci sia previsto uno stanziamento economico per una somma "una tantum" a titolo di risarcimento per la perdita del potere d'acquisto delle pensioni negli ultimi anni. Chiediamo a tutti i parlamentari della Tuscia di esprimersi in favore della proposta, chiediamo a tutti i partiti politici di impegnarsi in questa direzione e sostenerla in Parlamento. Non permettiamo che i nostri anziani affrontino da soli l'inverno, in una societÓ civile non pu˛ accadere.
Antonio Filippi
Segretario provinciale Spi-Cgil
print